La Grande Migrazione

Siamo tornati in Tanzania per la quarta volta con il preciso intento di assistere a questo grandioso e straordinario spettacolo del mondo animale.  Una favolosa, colossale, impressionante meraviglia. E la buona sorte ci ha aiutati, premiando le nostre insistite e ripetute ricerche. Ma non é stato facile avvistare le fiumane di gnu e di zebre in continuo movimento. sparse nelle vastissime praterie del Serengeti. E di tanta abbondanza approfittano i predatori. Sono immani schiere di animali, frenetici e scalpitanti che ora si fermano a pascolare, ora galoppano all'impazzata, ora si smarriscono, ora si rincorrono, ora si dispongono in fila, ora addirittura fanno retromarcia. Orde selvagge e disordinaate di ungolati composte da migliaia e migliaia di capi che, lungo un percorso di centinaia chilometri, finiranno per compattarsi in due sole e distinte correnti totalizzando un record di oltre due milioni di esemplari. Signori miei, questa é la Grande Migrazione cui, coronando un sogno, abbiamo avuto la fortuna di assistere, avidi, rapiti ed emozionatissimi.  Nei sette giorni di game drive nel Serengeti abbiamo visto di tutto. Una vera goduria.  Addirittura una trentina di leoni. Per non dire di un ghepardo in caccia. E persino di tre di leopardi appollaiati sui rami. Ultima chicca a Nngorongoro, ove abbiamo avvistato addirittura due rinoceronti neri, seppure molto distanti.  Era la perla mancante dell'ambita cattura fotografica dei big five, i cinque grandi della savana. Grazie Tanzania per il bellissimo dono che ci hai fatto. Asante sana, magnifica terra! Purtroppo é giunto il momento dell'addio.Ma il mal d'Africa non si é affatto sopito.

Serengeti 2016

Tanzania 6