Favoloso

Madagascar 2

I Lemuri ballerini

Provenienti da Fort Dauphin, dopo aver percorso, a passo d'uomo, una strada sterrata disastrosa, approdiamo nella riserva privata di Berenty. Dove ci attende il Sifaka di Verraux, un lemure molto speciale che, agilissimo sugli alberi, a terra non riesce a camminare a quattro zampe. E allora, eretto sui lunghi arti inferiori, si esibisce in una sorta di divertentissima danza, saltando orizzontalmente. Appena giunti, ci imbattiamo subito in una squadriglia di lemuri catta, la specie più nota, che procede in fila con la caratteristica coda nera, inanellata di bianco, dritta come un timone. Vanno a sedersi al sole, a braccia aperte, per riscaldarsi dall'umidità della notte. Sono maki bellissimi, dal simpatico musetto appuntito e dalla pelliccia color avana sul dorso e bianco sul ventre, tanto morbida che sembra peluche. Di notte penetriamo nella foresta, ma con scarsi risultati. Il mattino seguente riprendiamo la caccia. Questa volta siamo più fortunati. Rintanato nel cavo di un albero, scopriamo un lepilemure, un maki notturno di piccola taglia, con due occhi grandissimi, color arancio, che ci fissano inquieti. Poco dopo scorgiamo su un ramo un lemure fulvo, di taglia media, molto timido. Infine in terra. seminascosto tra il fogliame, un grosso boa del Madagascar, un serpente costrittore non velenoso, che seppure in letargo, accenna a muoversi. Quasi al tramonto, dopo averne avvistato una famiglia che pasteggia sugli alberi bassi, attendiamo che i Sifaka scendano a terra per andare a riposare sugli altissimi eucalipti. Ben appostati, attendiamo pazienti, sinché il primo maki del gruppo salta giù da un tronco e inizia saltellare a passi di danza. E dopo di lui, anche due alla volta, entrano in scena tutti gli altri ballerini. E' davvero uno spettacolo straordinario che avevamo tanto sperato di vedere.