Cascate Vittoria

Sconfiniamo in Zimbawe. Il pomeriggio andiamo in minicrociera sullo Zambesi. Una distensiva passeggiata in barca su un fiume calmissimo, costeggiato dai boschi.. Restiamo sino all'ora del tramonto, davvero di fuoco che incendia il cielo. Il mattino dopo visiteremo le Cascate Vittoria. Una meraviglia della natura. Su un fronte di un chilometro e mezzo lo Zambesi precipita a valle da un'altezza di 130 metri. Avvolti da una nebbia sottile ed inzuppati dagli schizzi, assistiamo , incantati, all'impressionante spettacolo Le enormi masse d'acqua,  prima si infrangono. poi piombano spumeggianti a terra  con il fragore del tuono. In cielo appare l’arcobaleno..

Chobe

Dopo la settima foratura arriviamo al Chobe. Un bellissimo parco popolatissimo di animali. Avvistiamo subito alcune splendide antilopi nere. Poi una mandria di damalischi e alcuni impala. Il fiume é fantastico. Scorre tranquillo su un letto molto vasto. La natura é lussureggiante. Solchiamo il fiume a bordo di un battello che procede lentissimo, costeggiando le rive e le isole che ospitano moltitudini di animali: zebre, babbuini, facoceri, manguste, tassi del miele, bufali. A pelo d'acqua affiorano decine di coccodrilli. Altri sono distesi al sole.Su un crinale staziona un'enorme colonia di elefanti con oltre 500 capi. Molto famosi perché quasi neri..

Ultimo paradiso

Moremi

.La riserva vanta un paesaggio molto vario e una ricchissima fauna.Nella foresta di mopane ci attrae una chiassosa famiglia di babbuini. Poi osserviamo un harem di impala. Quand'ecco apparirci  un pride di sole quattro leonesse, sicuramente consanguinee Ci accampiamo in piena savana. Di notte ascoltiamo il ruggito potente di un leone, non molto distante. Il giorno seguente incontriamo moltissimi animali  coccodrilli, ippopotami, impala, facoceri, iene, sciacalli. gnu. damalischi. E diversi uccelli fra cui il bucero becco rosso, la cicogna becco a sella e la rara gru di Wattled. Ma il colpo del giorno é stata la scoperta di uno splendido leopardo, ben mimetizzato dal fogliame di un albero.

.

Savuti

Percorriamo una pista di sabbia. Molto insidiosa.Spesso ci areniamo. E dobbiamo spalare per liberare le ruote. Poi d'un tratto si schiantano gli assali del rimorchio. che abbandoniamo per strada. Giungiamo a destino al tramonto. Alle prime luci dell'alba ci sveglia il barrito acutissimo di un elefante.Ci buttiamo giù dal letto e accorriamo sul posto. E, con gli occhi spalancati, assistiamo ad una scena terrificante, indimenticabile. Un manipolo di leonesse assatanate aggredisce da ogni parte un elefante. che si dibatte come può. Ma,esausto, infine, cade e diventa preda dei felini rabbiosi e affamati, che iniziano a sbranarlo. Al furioso banchetto partecipa quasi l'intero pride, che conta ben 29 individui E’ Il famigerato “Pride killer“, il solo in grado  di assalire e di uccidere collettivamente gli elefanti in tutta l’Africa.